marchio e logo

Differenza tra marchio e logo

I termini  logo e marchio sono spesso erroneamente usati come sinonimi, ma indicano cose diverse.

Il termine Marchio (o Marca spesso) viene usato in Italia anche come traduzione di Brand, includendo però gli aspetti di personalità e posizionamento propri del termine “branding“. Un brand è riconosciuto come l’insieme delle scelte di politiche commerciali e promozionali, studiate per creare una “personalità” definita all’azienda ed ai suoi prodotti. Pertanto in realtà il marchio potrebbe essere intesto come l’essenza stessa dell’azienda, ma non deve essere confuso con il logo.

Cosa vuol dire Brand.

Un brand è un insieme di attributi tangibili e intangibili, sintetizzati che creano valore nel marketing per influenzare la decisione di acquisto nei consumatori. Ovvero la promessa di una esperienza positiva e appagante per creare relazioni che determino entrate future all’azienda proprietaria attraverso una preferenza e fedeltà dei consumatori.

I brand semplificano i processi decisionali e rappresentano sia una garanzia di qualità che alternativa credibile rispetto ai competitor.

Gli elementi del brand, il marchio e il logo.

Analizziamo in dettaglio tutti questi elementi per capire meglio come lavora un marchio.

  • Il naming, ovvero la ricerca per un nome riconoscibile ed efficace, viene  attraverso il logotipo.
  •  Il logo (o logotipo) è la parola che sta per il nome del prodotto o dell’azienda (dal greco logos: parola). Progettato sulla base del naming, viene abbinato ad un lettering studiato od adattato che diventerà parte integrante dell’immagine aziendale.
  • Il payoff è una frase breve distintiva e riconoscibile che si accompagna ad un brand. Comunica la promessa in poche parole facilmente memorizzabili, ad esempio uno dei più famosi: “With Canon you can”.
  •  Il simbolo del marchio (o pittogramma) invece è l’elemento grafico che caratterizza una marca, come la conchiglia della Shell o il robot del sistema operativo Android per gli smartphone (esempio in alto) oppure la mela della Apple.

Articoli correlati:
come lavora un marchio